Paje e Kiwengwa – Zanzibar –

Il kitesurf a Zanzibar è senza dubbio uno degli sport più praticati. D’altronde le ampie spiagge, il mare piatto e il vento costante side-shore offrono condizioni uniche sia per i principianti che per i riders più esperti.

Negli ultimi anni lo sviluppo del kite a Zanzibar è letteralmente esploso e in particolare in zone come Paje, a sud est dell’isola, si possono trovare tutti i servizi necessari: scuole con istruttori professionisti (IKO e VDWS), alloggi, attrezzatura, comunità e ambienti giovani e piacevoli con cui confrontarsi.

Tutta la parte est di Zanzibar da Matemwe a Jambiani offre spot di uscita con basi e scuole disseminate lungo tutta la costa. Gli spot migliori per uscire in kite a Zanzibar sono a nostro parere Kiwengwa e più a sud Paje. In queste aree la pratica del Kitesurf è aperta a tutti per le ampie spiagge dove preparare i kites e partire in tranquillità. Ci sono numerose scuole e darsi una mano a vicenda è certamente più semplice.

Zanzibar ha spot kite adatti sia ad esperti che principianti. Per i principianti Zanzibar è sicuramente il top per apprendere le basi e fare pratica.

L’acqua non è mai molto mossa e l’onda quindi non disturba per le prime partenze; la temperatura è piacevole e non ci si accorge del tempo che si trascorre in acqua ad imparare; l’acqua diventa profonda lentamente quindi, soprattutto in condizioni di bassa marea sarà più semplice ad esempio recuperare la tavola se viene persa; il vento non è mai fortissimo e vi accompagnerà piacevolmente nei primi bordi.

Al momento non ci sono sull’isola di Zanzibar particolari regole per le zone di uscita. Il kitesurf viene praticato liberamente; è necessaria la solita attenzione di sicurezza nei confronti dei passanti, delle barche in acqua, di chi fa il bagno e degli altri riders.

In molte zone si praticano dei downwind di gruppo dove poter apprezzare le fantastiche condizioni della zona. A seconda del periodo, ovviamente per i venti menzionati, i downwind sono diversi. Inoltre si riesce a fare wawe riding sul reef  partendo e rientrando direttamente dallo spot dove si è partiti. Alcune scuole di kitesurf a Zanzibar inoltre propongo degli spot top secret.. raggiungibili solo in barca e spesso ad uso esclusivo. L’onda la si trova in genere a cavallo del reef in condizioni di marea alta. In tutte le altre zone di mare si pratica principalmente freestyle. Quando con le maree si formano delle lagune anche gli amanti del wake possono trovare zona ad alta adrenalina.

A Zanzibar il vento non raggiunge mai picchi altissimi quindi consigliamo kite con misure non inferiori alle 9 (per riders con peso di circa 70/75kg)

Per la scelta della tavola tenete in considerazione che in tutti gli spot troverete condizioni di acqua piatta o leggero chop. L’onda si forma principalmente sul reef in condizione di alta marea.

Le temperature esterne e dell’acqua sono sempre gradevoli. Non si necessita quindi di muta, ma è sufficiente una protezione con maglie in Lycra per riparasi dal sole (ovviamente la crema protettiva è un must).

Se volete evitare tagli ai piedi causati dai coralli potete mettere in valigia anche delle scarpette di gomma. Sicuramente non sono apprezzate dai kiters ma qualora ce ne fosse la necessità è meglio averne un paio.

Come molte isole Zanzibar è caratterizzata da periodi di vento più o meno intenso.

La velocità media del vento si aggira sui 15/16 nodi con punte a superare i 20 nodi che si raggiungono spesso nel tardo pomeriggio. Sono 2 i monsoni importanti:

  • Il Kuzi: lo troviamo da Giugno a Settembre con una certa costanza e soffia da sud-est. Con il Kuzi si riesce a bordeggiare in modo perpendicolare alla spiaggia senza nessuna problematica. Si può quindi facilmente raggiungere il reef, dove con l’alta marea si formano onde alte anche fino a 2 metri.
  • Il Kaskazi: lo troviamo da Dicembre a Febbraio e soffia principalmente da est diventando quasi on shore.

Leave a Reply