Che tipo di kite stai usando?

Conosci veramente il tuo kite?

Lo hai scelto conoscendo tutte le opportunità che il mercato offre?

Pensi che sia adatto per la disciplina in cui ti stai specializzando?

Se non hai una risposta chiara ad almeno una di queste domande, devi assolutamente leggere questo articolo per farti un idea oggettiva di cosa il mercato offre senza essere condizionato dai singoli rivenditori o brand.

Hai appena finito il corso di apprendimento, non ti fidare di quello che ti viene proposto, acquisisci conoscenze e decidi in autonomia!

Cominciamo

I kite gonfiabili vengono generalmente suddivisi in tre categorie:

C-Kite

Sono così chiamati perchè in aria hanno il tipico profilo di una C.

Generalmente sono guidati da un sistema di 4 linee. Oggi sono utilizzati da una nicchia di kiters avanzati (freestyler) in quanto, essendo meno potenti se tenuti fermi e con meno inerzia alla rotazione, risultano più facili per questa disciplina ma, potendo raggiungere maggiori velocità di rotazione, possono anche dare una più spinta più esplosiva per alcuni tipi di salti.

SLE

A questa particolare tipologia appartengono anche i Bow-Kite

S.L.E. è l’acronimo di Supported Leading Edge e significa che la LeadingEdge (LE) è supportata da un sistema di briglie che ne mantengono una forma più “piatta”. Gli SLE possono, o no, presentare sistemi di carrucole per le back lines: ciò ne influenza la risposta nel vento dando differenti senzazioni al rider: in genere sono più reattivi i kite senza carrucole.  Rispetto ai C-Kite questa tipologia offre una maggiore versatilità garantendo l’utilizzo in un range di vento  più ampio; inoltre offrono una maggiore potenza e sicurezza con un depower più ampio.

Kite ibridi

Progettati per coniugare la risposta veloce ai comandi dei C-kite con l’elevato depower dei Bow-kite vengono oggi chiamati all-aroud. Sono generalmente kite adatti per il free-ride e big air, ma anche per il wave se configurati correttamente. Sono i migliori kite da acquistare specie se vi trovate agli inizi e non avete ancora ben chiaro dove specializzarvi.

Aspect Ratio

L’Aspect Ratio detto  “AR” è un altro fattore importante nel determinare potenza e caratteristiche della vela ed  è il rapporto tra la larghezza e l’altezza dell’aquilone,  i Kite con AR alto sono lunghi e stretti risultano ali molto veloci, meno stabili e non facili da rilanciare dall’acqua, viceversa se l’AR è basso sono larghi e tarchiati e sono sempre consigliabili ai neofiti in quanto sono più facili e sicuri da usare e soprattutto ripartono molto prima dall’acqua.

Delta-Kite

Sono kite di nuova generazione chiamati così proprio per la loro forma a delta durante il volo.

L’intento e’ quello di avere un kite chiuso nella forma (simile ai C) che unisce i pregi degli S.L.E. quindi maggior range e grande de-power. Vista la forma sono i più facili da far ripartire dall’acqua indicati quindi per principianti.

Nel seguente video viene analizzata la forma del kite in relazione alla disciplina e al grado di esperienza del rider.

Buona visione!

Leave a Reply